Social Channels
Announcement ImageAnnouncement Date : 1 Luglio 2015

1° giorno: SIRMIONE – ROVERETO

Se sei un viaggiatore elettrico e ami fare escursioni, ti sarai chiesto almeno una volta, da quando guidi il tuo veicolo sostenibile, se avresti trovato un punto di ricarica al bisogno. Per questo, lamappa interattiva di Route220 diventa così importante: accessibile da web e da app – su Ios e Android – non soltanto disegna un censimento millimetrico dei punti di ricarica in Italia, ma fornisce anche indicazioni fondamentali su alberghi, ristoranti e servizi.

Per tutti gli #EVRouter, ecco quindi un itinerario tagliato su misura per le esigenze di chi ha un’autonomia massima di 150 km (circa).

Prima tappa Sirmione (dall’Autostrada A4 Torino/Venezia, uscire al casello di Sirmione).  La cosiddetta “Perla del Garda” offre scorci paesaggistici magnifici e un borgo medievale ottimamente conservato, cinto da mura che ne assecondano il fascino. Sulla punta della penisola di Sirmione, si incontrano i ruderi di una grandissima villa di epoca romana e le “Grotte di Catullo” che conservano affreschi risalenti al I e II secolo a.C. Dalla cittadina di Sirmione è possibile visitare numerosi piccoli borghi incantevoli, che soprattutto in questo periodo dell’anno sono mete bellissime, sia sul versante lombardo, che su quello veneto. Ricordiamo infatti che il Lago di Garda è diviso a metà tra le due Regioni.

20150529_Route220_itinerariosost_trentino

Per questo itinerario abbiamo scelto di spostarci verso est, utilizzando la strada gardesana. Proseguiamo quindi alla volta di Lazise (27 km) con il suo castello e poi su fino a Bardolino (5 km) con la Pieve di Santa Maria, il piacevole lungolago e una produzione vinicola particolarmente pregiata e poi Garda (a pochi km) con il Parco Baia delle Sirene. Consigliatissimo un rinfrescante momento di relax in uno dei numerosi caffè di Bardolino.Da qui a Rovereto, la prossima tappa, sono 62 km di strada tra piacevoli colline, la Valpolicella e le prime imponenti montagne del Trentino. Seguendo le indicazioni di Route220, è facile trovare la nuovissima colonnina di ricarica installata presso #Progetto Manifattura (Piazza Manifattura 1 a Rovereto), il centro di innovazione industriale che sorge nella ex-fabbrica tabacchi di Rovereto ed è dedicato a edilizia ecosostenibile, energia rinnovabile, tecnologie per l’ambiente, gestione delle risorse naturali. Rovereto, città d’arte e di cultura, con caratteristiche medievali e settecentesche, si trova al centro della valle dell’Adige. Da non perdere: il Castello dei Castelbarco (simbolo della città), il Museo Storico Italiano della Guerra con una delle più importanti collezioni d’armi d’Italia, corso Rosmini, dedicato al filosofo Antonio Rosmini che nacque nella omonima Casa, Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto, meglio conosciuto come MART.

E qui vi consigliamo di trascorrere la notte.

 

2° giorno: ROVERETO – DOPPIA ALTERNATIVA (SPORT o RELAX)

Per i più attivi, consigliamo di prendere una bicicletta a noleggio e di percorrere la pista ciclabile che costeggia il fiume Adige: la cosiddetta Pista ciclabile Val d’Adige / Vallagarina; Pista ciclabile Trento – Rovereto – Borghetto (Nr. 1)

Da Rovereto, centro principale della Vallagarina, si può decidere se andare verso Nord o verso Sud. Andando verso nord, si incontrano pendii ricchi di vigneti, con le produzioni di rinomati vini come il Marzemino, l’Enantino ed il Merlot. Più avanti nella zona di Nomi, troviamo anche un punto di ristoro per ciclisti, il Bicigrill, a seguire i due centri di Besenello e Calliano (sotto l’imponente edificio fortificato di castel Beseno. Tra Volano e Villa Lagarina la valle ampia comincia a cedere il passo alle montagne: ci stiamo dirigendo verso Trento.

Scegliendo invece di andare verso sud, da Rovereto la ciclabile procede verso i paesi del comune di Ala. Consigliamo una visita al centro di Ala, detto il borgo di velluto. L’ultimo tratto di pista ciclabile arriva fino al Monte Baldo nella zona di Avio. La località di Sabbionara è una vera e propria meraviglia, soprattutto grazie al suo castello (Castello di Sabbionara di Avio) circondato da cipressi e da vigneti. Sul confine provinciale presso Borghetto finisce anche la pista ciclabile.

In alternativa, con il proprio veicolo elettrico ben carico, si può decidere di percorrere i 107 km che separano Rovereto a Merano, dove mentre lasciamo la macchina alla colonnina della “stazione Merano – Maia Bassa, AEW” in via delle Palade 108, possiamo goderci una visita alla splendida cittadina altoatesina e un momento di vero relax presso le splendide Terme (più info al sito http://www.termemerano.it/it/).